Valutazione realistica

Affiliata alla Macrovoce Valutazione

(ing. Realistic evaluation)

Un approccio ideato da Ray Pawson e Nick Tilley, inscrivibile nel filone della valutazione guidata dalla teoria, in cui si mettono in relazione i “meccanismi” M, i “contesti” C e gli “esiti” R (così Regularities viene tradotto in italiano in Stame, 2007) di un programma, secondo la logica riportata in figura.

Rappresentazione grafica della valutazione realistica di Pawson e Tilley (1997, 73)

pawson real

La relazione che intercorre tra un meccanismo causale e il suo effetto non è data ma, al contrario, contingente […]. Tutti i programmi sociali entrano in conflitto con le condizioni di contesto prevalenti. In effetti, poiché non c’è intervento sociale che non sia introdotto in contesti preesistenti, queste condizioni prevalenti sono sempre di importanza cruciale nella spiegazione del successo o del fallimento di un programma. In ogni caso, per contesto sociale, non intendiamo semplicemente il luogo spaziale, geografico e istituzionale in cui un programma è inserito. Così, […] è il complesso precedente di regole sociali, relazioni e sistemi culturali che definisce questi luoghi a stabilire i limiti di efficacia dei meccanismi del programma (Pawson e Tilley, in Stame, 2007, 377; corsivi nel testo).

Esito = Meccanismo + Contesto (Pawson e Tilley, in Stame, 2007, 378).

Riferimenti bibliografici minimi:
Sitografia:

Claudio Bezzi, 30 Giugno 2017.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: