Validità 1

Validità (nella ricerca sociale)

ing.: Validity

fr.: Validité

sp.: Validez

ted.: manca la traduzione. Vuoi contribuire e suggerirla?

La capacità di una tecnica o strumento di perseguire lo scopo per il quale si utilizzano.

In termini più ristretti è il rapporto fra il concetto e il suo indicatore; un indicatore è valido se la sua parte indicante il concetto è piuttosto ampia, non è valido se la parte indicante è irrisoria o nulla.

Nel questionario, p.es., ogni domanda deve essere indicatore di un concetto; il rapporto fra indicatore e concetto non è misurabile, è un rapporto probabilistico (Lazarsfeld, 1969) o di tipo stipulativo (Marradi, 1990).

E’ il giudizio su quanto sia stretta la sovrapposizione semantica tra un concetto A e il suo indicatore B (basato su valutazioni di esperti, su coefficienti di correlazione, ecc.) (Grimaldi, 2000, 52).

La mia sensazione è che il processo mediante il quale decidiamo che cosa è valido o che cosa è vero sia un’arte; e che si basi altrettanto profondamente sul senso di bellezza e di semplicità quanto sui principi saldi come roccia della logica o del ragionamento o di qualunque altra cosa che possa essere formalizzata in modo oggettivo (Hofstadter, 1990, 753).

Uno strumento ha validità evidente [face validity]se gli stakeholder possono osservarne le componenti [items] e comprendere cosa viene misurato (Patton, 1998, 253).

  • Mancano indicazioni. Vuoi proporre dei testi?
  • Non abbiamo voci collegabili. Le vuoi suggerire?

Non ci sono mappe disponibili.

Non ci sono discussioni aperte (suggerimenti, varianti, discussioni, esempi…). Vuoi incominciare tu una discussione?

Claudio Bezzi, 25 Luglio 2017.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: