Uso della valutazione

Uso della valutazione

Affiliata alla Macrovoce Valutazione

ing.: manca la traduzione. Vuoi contribuire e suggerirla?

fr.: manca la traduzione. Vuoi contribuire e suggerirla?

sp.: manca la traduzione. Vuoi contribuire e suggerirla?

ted.: manca la traduzione. Vuoi contribuire e suggerirla?

Uno dei problemi generali più dibattuti: la valutazione serve? E’ usata? Vari autori distinguono fra uso diretto e indiretto, uso corretto o sottoutilizzo, quando non addirittura uso distorto del lavoro. Diverso è interrogarsi sull’utilità (che è una proprietà della valutazione, mentre l’uso è una sua conseguenza)

La mia definizione di utilità del processo [valutativo] è la seguente: i singoli cambiamenti nel modo di pensare e comportasi che si verificano tra le persone coinvolte nella valutazione, a seguito dell’apprendimento che avviene durante il processo di valutazione. Anche le modifiche al programma o alle procedure e alla cultura dell’organizzazione possono essere una manifestazione dell’impatto del processo. Inoltre, riconoscere che esiste una cultura della valutazione è un modo per riflettere sull’utilità del processo (M. Patton in Stame, 2007, 326).

  • Mancano indicazioni. Vuoi proporre dei link?
  • Non abbiamo voci collegabili. Le vuoi suggerire?

Non ci sono mappe disponibili.

Non ci sono discussioni aperte (suggerimenti, varianti, discussioni, esempi…). Vuoi incominciare tu una discussione?

Claudio Bezzi, 22 Ottobre 2017.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: