Misurazione

(ing. Measurement; fr. Mesure; ted. Messung; sp. Medida)

Procedimento attraverso il quale una proprietà continua viene confrontata con un’unità di misura arbitraria convenzionale.

In realtà la misurazione si compone di quattro fasi distinte: a) si stabilisce un’unità di misura, b) si stabilisce quante cifre registrare e come arrotondare (ciò è una forma di classificazione necessaria al dominio concettuale di proprietà continue), c) si confronta l’unità di misura con l’ammontare della proprietà nel singolo caso e d) si trasforma infine l’esito della precedente operazione nel numero registrabile corrispondente (ciò che è ancora, propriamente, classificazione) con gli eventuali arrotondamenti (Marradi, 1980-1981).

Un significato più esteso, e molto utilizzato ancorché inesatto, definisce la misurazione come procedura per assegnare un numero a un oggetto, evento o opinione. Si veda per esempio Evalsed:

Used to observe a phenomenon, change or variable, and to place it on a quantitative scale. A measurement unit allows for quantification. An elementary indicator is associated with a measurement unit and has only one dimension (e.g. km of motorway; number of training courses). Some measurement units are divisible and others not (e.g. 20.3km were built; 30 trainees were qualified). Measurement units must be harmonised if indicators are to be comparable.

Questa definizione non solo non distingue fra misurazione, conteggio e classificazione, ma neppure fra queste e la generica assegnazione di un’etichetta numerica (p.es. durante una codifica).

Sitografia:

Claudio Bezzi, 4 Novembre 2017.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: