Efficacia

Affiliata alla Macrovoce Criteri di valutazione

(ing. Effectiveness; fr. Efficacité; ted. Wirkungsgrad; sp. Eficacia; ted. Wirksamkeit, Effektivität)

“La capacità di un progetto di raggiungere l’obiettivo assegnatogli, entro limiti di probabilità assunti come accettabili” (Masoni 1997, 19); per Nicoletta Stame (“La valutazione delle politiche e dei servizi”, Tutela. Trimestrale di politiche sociali, a. XI, n. 1-2, giugno 1996) è una delle due proprietà che la valutazione studia, assieme all’equità; per Altieri e Migliozzi (in Cipolla 1998, 557-562) uno dei principali criteri di valutazione dei servizi sociali e sanitari assieme all’efficienza, alla qualità e all’equità (cfr. anche Altieri, 2009, 20; 34-35).

Con efficacia intendiamo […] la capacità di un servizio, di un programma, di un intervento sociale di raggiungere gli obiettivi. Questo ci sembra tuttora il concetto fondamentale da usare per ogni azione valutativa. Al progetto e alla sua implementazione si chiede innanzitutto di essere efficace (Altieri, 2009, 20).

L’efficacia consente di esprimere un giudizio sulla politica pubblica in atto tenendo conto, oltre che dell’offerta, anche e soprattutto della domanda, ovvero dei bisogni la cui soddisfazione costituisce l’obiettivo primario della politica stessa. L’efficacia di un determinato programma o progetto consiste, infatti, nell’ottenimento di quei risultati per il raggiungimento dei quali l’attività in questione è stata posta in essere. […] La valutazione di efficacia […] viene usualmente distinta in due categorie fondamentali, che corrispondono anche ai diversi “punti di vista” (del decisore o dei destinatari delle politiche) assumibili dal valutatore:

efficacia interna (o gestionale), intesa come la capacità di raggiungere gli obiettivi o i risultati attesi fissati a priori dall’Ente pubblico;

efficacia esterna (o sociale), intesa come la capacità del prodotto/servizio offerto dall’Ente di soddisfare i bisogni degli utenti (Palumbo 2001, 185 e 186-187).

La logica di questi concetti è ben rappresentata nella seguente figura, tratta da Palumbo 2001 con adattamenti di Bezzi 2010, 81.

Efficacia, efficienza e altri criteri nella valutazione

1 - Introduzione alla valutazione mag 2014

wpid-26068_lavoriincorsoOccorre segnalare che l’efficacia interna appare ridondante in alcuni contesti, quali l’analisi organizzativa in contesti industriali, dopo la progettazione e la pianificazione hanno ruoli meno retorici di quanto accade nel settore pubblico, principale contesto della valutazione.

Vedi anche:

Claudio Bezzi, 22 Ottobre 2017.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: