Chiarificazione degli obiettivi

Affiliata alla Macrovoce Valutazione

Molta letteratura valutativa insiste sul fatto che senza chiari obiettivi (della Politica, del Programma che si deve valutare) non è possibile neppure avviare il processo valutativo.

Evalsed è categorico:

Clear, explicit and initial statement on the effects to be achieved by a public intervention. If the objectives are not stated explicitly an evaluation (and particularly ex ante evaluation) may help to clarify them.

Tale insistenza deriva da un approccio realista, o almeno di carattere manageriale, che riduce la valutazione a un’analisi dei risultati prodotti alla luce di quanto dichiarato in sede di programmazione. Questo approccio alla valutazione, ancorché non definibile scorretto, è certamente molto riduttivo, e sempre più autori si mostrano di diverso avviso; Patton per esempio, dopo avere ironizzato sul “gioco della chiarificazione degli obiettivi” che affascinerebbe tanti valutatori, con grave disagio degli operatori da loro costretti a questo esercizio, afferma:

Concentrare la valutazione sugli obiettivi del programma non è certamente il chiaro e logico esercizio descritto nella letteratura valutativa, perché il processo decisionale vero non è puramente razionale e logico. Questo è il paradosso degli obiettivi. Essi sono astrazioni razionali in un sistema che non lo è (1998, 174).

Si è inoltre sviluppata una vera e propria scuola di pensiero che propugna il valore di una valutazione svincolata dagli obiettivi del programma (goal free evaluation) che intende mantenersi assai più libera nel programma di ricerca.

Indiscutibilmente, in ogni caso, nella preliminare fase della stipulazione del mandato valutativo il valutatore si interroga anche sulla natura degli obiettivi del programma, inquadrandoli in quel problema più generale che in valutazione si definisce “definizione delle domande valutative”; indubbiamente tali domande possono avere a che fare col raggiungimento di determinati obiettivi (non necessariamente solo quelli espliciti) e la loro eventuale cattiva formulazione (che è una situazione abbastanza tipica) può stimolare una riflessione compartecipata, fra valutatore e committente, spesso molto ricca.

Riferimenti bibliografici minimi:
Vedi anche:
  • Albero degli obiettivi, un modo per chiarirli;
  • Domande valutative, questione più generale della valutazione in cui si inserisce la chiarificazione degli obiettivi;
  • Mandato, la fase del Disegno della ricerca valutativa in cui si discute anche di tale chiarificazione;
  • Valutazione indipendente dagli obiettivi (Goal free evaluation), una proposta di approccio che intende prescindere dagli obiettivi espliciti (e quindi dalla loro eventuale chiarificazione).

Claudio Bezzi, 22 Ottobre 2017.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: