Approccio

Termine molto generico, a volte usato come surrogato a ‘Metodo2’ per indicare insiemi complessi di tecniche e strumenti diversi utilizzati congiuntamente per un determinato fine orientato da una specifica riflessione metodologica; è per questo che – per esempio – si può parlare di “approccio sperimentale”, perché l’esperimento comporta l’uso di tecniche e strumenti differenti orientate da un problema epistemologico specifico (l’analisi controfattuale); pertanto non esiste la “tecnica controfattuale”.

Il termine può avere anche un carattere più generale riferendosi a settori, ambiti, scuole; per esempio: l’approccio di genere; l’approccio partecipato; l’approccio di Bezzi alla ricerca valutativa. Oppure: gli approcci della ricerca sociale e valutativa.

Benché il significato di ‘approccio’ sia simile a ‘strategia’ di ricerca, il primo termine fa solo riferimento, in maniera non definita, ad elementi operativi riferibili a una scuola, a un metodo, a un ambito, mentre ‘strategia’ ha espressamente a che vedere col mandato e le domande valutative, o con le ipotesi e la teoria di riferimento.

Riferimenti bibliografici minimi:
Vedi anche:

Claudio Bezzi, 18 Luglio 2017.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: