Amalia Signorelli – In memoria

A due mesi di distanza da Tullio Seppilli, anche Amalia Signorelli ci ha lasciati. Altra antropologa, allieva di De Martino e mia “maestra”. Devo a lei il mio imprinting antropologico: donna eclettica, aperta, non convenzionale mi aprì la mente e il cuore nei primi anni formativi a Urbino. Ma anche donna ruvida ed egocentrica – lo dico con tenerezza, dopo tanti anni – che mi fece fare qualche duro esame di realtà. Grazie a lei partecipai alla ricerca (enorme, un’occasione unica per quell’epoca, una vera pietra miliare della mia formazione di metodologo) confluita nel volume Scelte senza potere, citata anche nell’articolo di Repubblica. È un altro pezzo della mia storia che se ne va. Un altro pezzo della nostra storia, della nostra cultura.



Categories: Persone

Tags: ,

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: