Sarà un piccolo corso di metodologia a puntate…

Inizio da oggi a collaborare con “Sociologicamente.it” con testi metodologici o, per dire Schermata 2017-05-16 alle 13.57.11meglio: testi che spazieranno da premesse epistemologiche fino all’uso delle tecniche. Non ci sarà un ordine preciso nei miei testi e non vi so dire ora con quale cadenza produrrò questi brevi post (tanto vi informo qui, tranquilli…). Il primo articolo, che compare oggi, è poco più di un saluto e un’autopresentazione, ma indico subito una direzione precisa sin dal titolo, Il metodo siamo noi. Cosa intendo dire? Che bisogna smettere di credere che il metodo si riduca alle tecniche e che queste siano feticci. La partita della ricerca (sociale e valutativa) si gioca ben prima della discesa in campo con questionari, focus group e altre carabattole dell’armamentario del ricercatore. “Prima” significa intelligenza, competenza, esplorazione del campo semantico, analisi del contesto, definizione del mandato… Ecco perché “siamo noi”: noi con la nostra capacità di ritagliare la ricerca adeguata al problema specifico, non la ricerca “prescritta”, quella “che fan tutti così” o, più frequentemente, quella “che so fare”.

Nelle prossime puntate andrò avanti per questo solco ma, se avete desiderio di approfondimenti specifici, scrivetemi a claudio.bezzi@me.com. Non vi assicuro una risposta, abbiate pazienza, ma terrò il più possibile conto delle vostre indicazioni per i prossimi testi.

E ora, andate a leggere il mio testo: http://sociologicamente.it/il-metodo-siamo-noi/



Categorie:ricerca sociale

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: